Spoke 0 e 2 Università Bologna

7 Mar, 2024 alle 17:36 -

Spoke 0 e 2 Università Bologna

Pubblicati i bandi a cascata SPOKE 0 “Piattaforma dati e trasferimento della conoscenza” e SPOKE 2 “Settore pubblico: disegno delle politiche e performance”

L’ALMA MATER STUDIORUM-Università di Bologna quale leader degli Spoke 0 e 2 intende finanziare progetti che prevedano lo svolgimento di attività di ricerca fondamentale e industriale, anche mediante l’utilizzo di infrastrutture di ricerca di interesse regionale, nazionale ed europeo e/o delle Infrastrutture di Ricerca di GRINS.

Le attività dovranno essere realizzate nel Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) per almeno il 50% dei costi ammissibili.

Contributi per lo Spoke 0 e 2

La dotazione finanziaria complessiva è pari a 5.000.000 € a valere sui fondi PNRR e verrà cosi suddivisa:

  • Dotazione finanziaria per Soggetti localizzati nelle Regioni del Centro-Nord Italia: € 2.500.000.
  • Dotazione finanziaria per Soggetti localizzati nelle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna): € 2.500.000.

In coerenza con il vincolo climatico previsto dal PNRR, le risorse finanziarie sono finalizzate a sostenere attività riconducibili ai campi di intervento (di cui all’allegato VI del Reg. (UE) 2021/241):

– 022 – Processi di ricerca e di innovazione, trasferimento di tecnologie e cooperazione tra imprese incentrate sull’economia a basse emissioni di carbonio, sulla resilienza e sull’adattamento ai cambiamenti climatici- con un minimo del 40% delle risorse complessive.

– 023 – Processi di ricerca e innovazione, trasferimento di tecnologie e cooperazione tra imprese incentrate sull’economia circolare con un minimo del 30% delle risorse complessive.

– 006 – Investimenti in beni immateriali in centri di ricerca pubblici e nell’istruzione superiore pubblica direttamente connessi alle attività di ricerca e innovazione – per un massimo del 30%.

Soggetti che possono concorrere ai bandi Spoke 0 e 2

I soggetti ammessi a presentare proposte progettuali (Proponenti) in risposta al presente avviso, nella sola modalità singola (non sono ammesse proposte in collaborazione) e con riferimento ai requisiti specifici stabiliti per ciascuna tematica, sono:

a) gli Organismi di Ricerca (OdR), ai sensi del Regolamento (UE) 651/2014 Art. 2, comma 83;

b) le Startup innovative ai sensi dell’art. 25 del D.L. 179/2012 convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221;

c) le Micro, Piccole e Medie imprese (MPMI), aventi i parametri dimensionali di cui all’allegato I del REG (CE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 (Regolamento generale di esenzione per categoria) in GUUE L 187/1 del 26.06.2014;

d) le Grandi Imprese (GI).

Tutti i soggetti di cui all’elenco precedente sono ammissibili a ottenere le agevolazioni – Beneficiari – di cui al presente Bando, purché rispettino tutti i requisiti di seguito elencati:

– I proponenti devono avere sede legale ed unità operativa o laboratorio sul territorio nazionale;

– I proponenti con sede operativa nel Mezzogiorno devono presentare domanda di finanziamento a valere sulla dotazione finanziaria dedicata al Mezzogiorno di cui all’Art 1.3. Tutti gli altri proponenti devono presentare domanda di finanziamento a valere sulla dotazione finanziaria per i soggetti localizzati nelle Regioni del Nord/Centro Italia di cui all’Art 1.3.

– Ciascun proponente deve rispettare i principi trasversali previsti per il PNRR dalla normativa nazionale ed europea.

Requisiti specifici delle imprese

Le imprese, dovranno altresì essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • In caso di impresa: iscritta al Registro delle imprese tenuto dalla Camera di Commercio in data antecedente al 01/01/2022 e possedere almeno un bilancio chiuso ed approvato.
  • In caso di Start up: Iscrizione al Registro delle Start up innovative, secondo la definizione del D.L. 179/2012.
  • L’Unità locale (sede operativa), ove verranno svolte le attività di R&S, deve essere sita e operativa sul territorio nazionale e risultare attiva e produttiva entro la data di presentazione della domanda.
  • l’impresa essere in possesso dei requisiti economico-finanziari e patrimoniali, nonché avere prospettive di sviluppo e continuità aziendale.
  • L’impresa non deve essere identificata come impresa in difficoltà secondo la definizione di cui al Regolamento (UE) n. 651/2014 ss.mm.ii., articolo 2, comma 18.
  • l’impresa non deve essere sottoposta a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.
  • l’impresa deve avere una situazione regolare rispetto agli obblighi previsti dalle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali e in materia di pagamento di imposte e tasse in conformità̀ con gli artt. 94 c. 6 e 95 c. 2 del D.Lgs. 36/2023.
  • Non avere contenziosi in atto con la Pubblica Amministrazione e non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea.
  • Essere in regola con l’eventuale restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse ed a valere di fondi pubblici.
  • Non essere destinatarie delle sanzioni interdittive individuate dall’art. 9 del D.lgs. 231/2001 aventi per oggetto l’esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l’eventuale revoca di quelli già concessi.
  • L’impresa deve presentare la dichiarazione ai fini della normativa antimafia e la dichiarazione antiriciclaggio.

 Le domande di finanziamento dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 12:00 del 15/04/2024

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link


Potrebbe interessarti

Contattaci per informazioni

Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento

Contattaci