CREA-CULT-2024-COOP

20 Dic, 2023 alle 19:08 -

CREA-CULT-2024-COOP

CREA-CULT-2024-COOP  è la call del programma Europa creativa dedicata alla realizzazione di Progetti di cooperazione europea su piccola e media scala.

Le specificazioni della call CREA-CULT-2024-COOP

L’azione prevede due chiamate distinte che si  differenziano solo per la dimensione dell’azione. Nello specifico:

CREA-CULT-2024-COOP-1 — Progetti di cooperazione europea (su piccola scala)

CREA-CULT-2024-COOP-2 — Progetti di cooperazione europea (su scala media)

I progetti su piccola scala prevedono la partecipazione di minimo 3 entità  provenienti da 3 diversi paesi ammissibili che partecipano al programma Europa Creativa con una durata massima di 48 mesi.

I progetti su piccola scala sono particolarmente adatti a promuovere l’accesso delle organizzazioni di base e sostenere queste organizzazioni nella creazione di nuovi partenariati e sviluppo di nuove attività e idee innovative.

Progetti su scala media: minimo 5 entità provenienti da 5 diversi paesi ammissibili che partecipano al programma Europa Creativa con una durata massima di 48 mesi.

L’azione Progetti di cooperazione europea sostiene progetti che coinvolgono organizzazioni dei settori culturali e creativi di tutte le dimensioni, comprese le microorganizzazioni e le organizzazioni di piccole dimensioni, e di diversi paesi, per intraprendere attività settoriali o intersettoriali.

Obiettivi dei progetti CREA-CULT-2024-COOP

I Progetti di Cooperazione Europea finanziati dalla call CREA-CULT-2024-COOP sono aperti a tutti i settori culturali e creativi.

Il sostegno sarà concesso ai progetti che contribuiscono a uno dei seguenti obiettivi:

• Obiettivo 1 – Creazione e circolazione transnazionale: rafforzare la creazione e la circolazione transnazionale di opere e artisti europei.

La creazione e la circolazione transnazionale sono importanti per il progresso delle collaborazioni, per una maggiore sensibilizzazione e in molti casi necessari per il vitalità e sviluppo delle organizzazioni, delle istituzioni e degli individui culturali.

La coproduzione è anche uno strumento per stimolare la creatività, condividere risorse e facilitare la distribuzione transnazionale dei contenuti e la circolazione degli artisti.

 I progetti prenderanno in considerazione il nuovo contesto, ad esempio le preoccupazioni sanitarie o ambientali, e integreranno modalità innovative (digitali) di produzione e diffusione dei contenuti.

• Obiettivo 2 – Innovazione: migliorare la capacità dei settori culturali e creativi europei di coltivare talenti, innovare, prosperare e generare posti di lavoro e crescita.

L’innovazione, in senso lato, è necessaria per l’evoluzione dei settori culturali e creativi e per la loro competitività. Le innovazioni possono essere di natura tecnologica e artistica. Possono includere la creazione e la produzione congiunta di opere europee innovative e la loro diffusione presso un pubblico ampio e diversificato. Le innovazioni includono anche lo sviluppo e la sperimentazione di nuove pratiche o modelli, nonché il trasferimento e la diffusione di pratiche innovative da regioni o settori o discipline europei più avanzati ad altre regioni d’Europa.

Le aree di innovazione possono comprendere una dimensione sociale o societaria come:

  • coinvolgimento/sviluppo del pubblico
  • uguaglianza di genere
  • inclusione delle persone con disabilità, persone appartenenti a minoranze e persone appartenenti a gruppi socialmente emarginati
  • lotta al cambiamento climatico
  • digitalizzazione
  • nonché il contributo della cultura alla salute e al benessere, in particolare alla salute mentale, date le prove esistenti e la persistente crisi di salute mentale che colpisce in particolare i giovani.

Priorità dei progetti

Oltre a scegliere uno degli obiettivi di cui sopra, i progetti devono affrontare almeno una (e non più di due) delle seguenti priorità:

1 Pubblico: aumentare l’accesso, l’impegno e la partecipazione alla cultura e in particolare ai contenuti provenienti da paesi diversi dal proprio, per tutti i tipi di pubblico;

2 Inclusione sociale: promuovere la resilienza sociale, compreso l’importante ruolo della cultura per la salute e il benessere (in particolare la salute mentale), e migliorare l’inclusione sociale nella/attraverso la cultura in particolare di/per le persone con disabilità, le persone appartenenti a minoranze e le persone appartenenza a gruppi socialmente emarginati, nonché dialogo interculturale

3. Sostenibilità: co-creare, adottare e diffondere pratiche rispettose dell’ambiente, nonché aumentare la consapevolezza sullo sviluppo sostenibile attraverso attività culturali, in linea con il Green Deal europeo e il Nuovo Bauhaus europeo;

4. Digitale: aiutare i settori culturali e creativi europei a intraprendere o accelerare la transizione digitale, cogliere le opportunità e affrontare le sfide poste dall’intelligenza artificiale e da altre tecnologie emergenti (ad esempio, intelligenza artificiale generativa, big data, mondi virtuali, blockchain, NFT, ecc.);

5. Dimensione internazionale: sviluppare la capacità dei settori culturali e creativi europei, comprese le organizzazioni di base e le micro-organizzazioni, di essere attivi oltre confine.

6 Priorità annuale: sostegno ai settori culturali e creativi ucraini.

Le attività proposte dovranno essere raggruppate (nel modulo di domanda) in pacchetti di lavoro coerenti (ovvero la suddivisione principale del progetto) che saranno collegati a risultati finali predefiniti. Tutti i risultati finali dovranno illustrare la portata, la portata, i progressi e il successo delle attività proposte. A seconda del focus del progetto (coprodurre, cooperare, sperimentare, innovare, ecc.), le attività ammissibili al finanziamento possono essere molto diversificati.

Per entrambe le call la data di scadenza per la presentazione delle proposte di progetto è il 23 gennaio 2024.


Potrebbe interessarti

Contattaci per informazioni

Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento

Contattaci