Contributi comitati nazionali

6 Mar, 2024 alle 17:14 -

Contributi comitati nazionali

Prevista l’erogazione di contributi per finanziare o rifinanziare comitati nazionali ed edizioni nazionali  sia di nuova istituzione che già esistenti.

Sono ammessi a presentare domanda d’istituzione di Comitati nazionali, ai fini della valutazione per l’ammissione ai relativi contributi:

  • le Amministrazioni pubbliche, centrali o locali, anche a ordinamento autonomo;
  • le istituzioni culturali o i comitati promotori appositamente costituiti.

Sono ammessi a presentare domanda d’istituzione di Edizioni nazionali, ai fini della valutazione per l’ammissione ai relativi contributi (Legge 1° dicembre 1997 n. 420):

  • le Amministrazioni pubbliche, centrali o locali, anche ad ordinamento autonomo;
  • le istituzioni culturali o i singoli studiosi.

Ai fini dell’istituzione dei Comitati nazionali sono ammessi alla valutazione esclusivamente gli eventi di cui ricorra, all’interno del triennio di celebrazioni, il primo o i successivi centenari della nascita o della morte del personaggio ovvero dell’accadimento storico, fatti salvi i casi di eccezionale rilevanza storicoculturale e sociale.

Costituiscono oggetto di valutazione i programmi celebrativi che prevedano:

a) manifestazioni a carattere non esclusivamente locale ma con una proiezione e un coinvolgimento anche nazionale e/o internazionale;

b) eventi o attività pluridisciplinari e plurisettoriali (ad esempio convegni, mostre, pubblicazioni, tirocini formativi, borse di studio e/o di ricerca, rappresentazioni teatrali, realizzazione di documentari e filmati);

c) un piano economico che comprenda voci di cofinanziamento da parte di altre amministrazioni e/o di soggetti privati per le attività che si propongono;

d) il coinvolgimento di istituzioni culturali esistenti di carattere nazionale o internazionale;

e) progetti e attività a carattere innovativo;

f) identificazione dei fruitori e dei destinatari del programma delle celebrazioni.

Ai fini della valutazione delle domande d’istituzione delle Edizioni nazionali la Consulta dei Comitati nazionali e delle Edizioni nazionali tiene conto dei seguenti criteri:

a) carattere digitale e/o cartaceo della pubblicazione dei volumi: sono valutate favorevolmente la pubblicazione in formato digitale e la garanzia di un efficace sistema di conservazione a lungo termine delle memorie;

b) sostenibilità economica del piano editoriale, dell’attività di ricerca e pubblicistica che si intende svolgere nel quinquennio;

c) presenza di una rete già definita di fruitori, possibilmente non solo nazionali, delle pubblicazioni che saranno edite;

d) pubblicazione di opere inedite, ovvero, seppur già edite, non corredate da un adeguato apparato critico.

La rendicontazione delle attività e delle spese sostenute dai Comitati nazionali avviene esclusivamente sulla piattaforma del Ministero entro il 31 gennaio di ciascun anno e comunque entro tre mesi dal termine delle celebrazioni.

Le domande d’istituzione e rifinanziamento e/o proroga di Comitati nazionali ed Edizioni nazionali, pena di esclusione sono presentate esclusivamente sulla specifica piattaforma del Ministero dal 1° al 31 marzo di ciascun anno.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link


Potrebbe interessarti

Contattaci per informazioni

Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento

Contattaci