Sostegno settore spettacolo

31 Gen, 2024 alle 17:26 -

Sostegno settore spettacolo

Finanziamenti dalla regione Sardegna  per sostenere e rilanciare l’attività dei jazz club isolani nonché tutto il settore dello spettacolo duramente colpito dalla crisi economica conseguente la pandemia.

Le linee di finanziamento saranno diversificate a seconda della tipologia di manifestazioni incentivate e dei soggetti agevolati.

LINEA A) Settore spettacolo-Intrattenimento musicale dal vivo

L’intervento ha per oggetto la concessione di sovvenzioni che possano garantire il mantenimento ed il rafforzamento della forza lavoro e dei soggetti gestori del comparto “dell’intrattenimento musicale dal vivo”, per ristorare i danni derivanti, negli anni 2020 e 2021, dalla chiusura dei locali di intrattenimento musicale dal vivo, operanti continuativamente nel territorio regionale nel periodo antecedente la dichiarazione di stato di emergenza nazionale causata dalla pandemia da Covid-19.

L’Aiuto consiste in una sovvenzione diretta, parametrata in relazione al numero degli spettacoli di musica dal vivo ospitati e debitamente documentati, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019.

Soggetti che possono presentare domanda per la Linea A

Possono usufruire delle sovvenzioni per gli spettacoli dal vivo:

– gli organismi che esercitano un’attività economica nell’ambito dell’organizzazione di concerti ovvero promozione di concerti e che hanno la proprietà e/o gestione di spazi adibiti alla musica dal vivo.

Il soggetto richiedente deve:

1. disporre di uno o più locali, in regola con le normative di sicurezza vigenti, con una zona palco ed impianto audio permanenti e avere l’intera programmazione artistica incentrata sulla musica dal vivo;

2. risultare formalmente costituito almeno alla data del 1° gennaio 2017 o, in caso di sopraggiunte e più recenti variazioni nella forma giuridica e statutaria, potere documentare una continuità di attività almeno sino alla data di effettiva erogazione del contributo;

3. avere sede legale e una sede operativa/unità locale in Sardegna e risultare iscritto alla Camera di commercio industria artigianato e agricoltura, se soggetto ad obbligo di iscrizione;

4. avere ospitato, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2019, un numero non inferiore a 30 di spettacoli di musica dal vivo, debitamente documentati.

Misura della sovvenzione

Per quanto attiene alla quantificazione dell’aiuto, esso sarà parametrato in relazione al numero degli spettacoli di musica dal vivo ospitati e debitamente documentati, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019, e in particolare:

  • un contributo non inferiore a euro 5.000 e non superiore a euro 50.000 qualora si sia ospitato un numero di spettacoli sino a 10;
  • un contributo non superiore a euro 75.000 qualora si sia ospitato un numero di spettacoli compreso tra 11 e 15;
  • un contributo non superiore a euro 100.000 qualora si sia ospitato un numero di spettacoli superiore a 15.

LINEA B) Settore spettacolo- Jazz Club

L’intervento ha per oggetto la concessione di sovvenzioni a favore dei jazz club per sostenere la loro attività in considerazione della persistente situazione di crisi economica.

L’aiuto è concesso in rapporto ai costi salariali del personale mantenuto in servizio nell’anno 2023, fino al 50 per cento delle retribuzioni lorde annue di ciascun lavoratore comprensive dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per il quale l’impresa richiede l’aiuto medesimo, parametrato in base al numero degli addetti e degli effettivi dell’anno 2022.

Soggetti che possono accedere alle sovvenzioni per Jazz club

Possono presentare la domanda  gli organismi (jazz club) che svolgono comprovata attività a carattere professionale nel campo della musica jazz.

Per quanto attiene alla quantificazione, l’aiuto è concesso ai costi salariali del personale mantenuto in servizio nell’anno 2023, fino al 50 per cento delle retribuzioni lorde annue di ciascun lavoratore comprensive dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per il quale l’impresa richiede l’aiuto medesimo, parametrato in base al numero degli addetti e degli effettivi dell’anno 2022, decurtato degli eventuali periodi di cassa integrazione goduto dal personale in forza all’impresa beneficiaria, fino ad un massimo di euro 100.000 per ciascun soggetto beneficiario.

Per la successiva annualità, per la quale occorrerà la riapertura di una ulteriore finestra dell’Avviso de quo, un aiuto ai costi salariali del personale mantenuto in servizio nell’anno 2024, fino al 50 per cento delle retribuzioni lorde annue di ciascun lavoratore comprensive dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per il quale l’impresa richiede l’aiuto medesimo, parametrato in base al numero degli addetti e degli effettivi dell’anno 2023, decurtato degli eventuali periodi di cassa integrazione goduto dal personale in forza all’impresa beneficiaria, fino ad un massimo di euro 100.000 per ciascun soggetto beneficiario.

Ciascun soggetto proponente dovrà presentare la propria Domanda di Ristoro a valere su una sola linea di intervento (LINEA A oppure LINEA B)

Sarà possibile presentare le domande a partire dalle ore 10:00 del giorno 13 gennaio 2024 fino alle ore 23:59 del giorno 29 febbraio 2024.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link


Potrebbe interessarti

Contattaci per informazioni

Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento

Contattaci