Diversificazione impresa agricola

23 Mag, 2024 alle 18:21 -

Diversificazione impresa agricola

La regione Sardegna finanzia con aiuti in conto capitale gli imprenditori agricoli per la diversificazione della loro attività. Gli interventi dovranno essere incentrati sull’acquisto di nuovi impianti e attrezzature ed ulteriori dotazioni correlate all’esercizio delle attività multifunzionali, con esclusione delle opere edili.

Vediamo nello specifico quali sono gli interventi per la diversificazione dell’impresa agricola                                  

Diversificazione implementando l’ospitalità

Investimenti per l’adeguamento e lo sviluppo dell’ospitalità agrituristica, ivi compreso l’agricampeggio.

Sono finanziabili gli investimenti in impianti, attrezzature e ulteriori dotazioni funzionali alle attività agrituristiche elencate all’art. 3 della legge regionale 11 maggio 2015, n. 11:

a) fornitura di alloggio in appositi locali aziendali;

b) ospitalità in spazi aziendali aperti destinati alla sosta di campeggiatori, roulotte e caravan;

c) somministrazione di alimenti e bevande;

d) organizzazione di degustazioni di prodotti aziendali e territoriali;

e) organizzazione delle seguenti attività:

– attività didattiche e culturali finalizzate alla riscoperta del patrimonio enogastronomico, etnoantropologico e artigianale regionale;

– attività di pratica sportiva, pesca sportiva, escursionismo e attività affini;

– altre attività ricreative in genere.

Gli investimenti possono essere proposti da soggetti che intendono svolgere ex novo un’attività agrituristica o che intendano sviluppare un’attività agrituristica già esistente.

Diversificazione attraverso il potenziamento degli impianti aziendali di trasformazione e/o dotazioni di spazi esistenti attrezzati per la vendita di prodotti aziendali non compresi nell’Allegato I del Trattato.

Sono finanziabili tutti gli investimenti in impianti, attrezzature e ulteriori dotazioni funzionali allo svolgimento in azienda di attività di trasformazione che, tramite l’utilizzo prevalente di materie prime aziendali, portino all’ottenimento di prodotti aziendali non compresi nell’Allegato I del Trattato.

Sono inoltre finanziabili gli investimenti per dotazioni di spazi esistenti attrezzati per la vendita di prodotti aziendali non compresi nell’Allegato I del Trattato.

Investimenti per la dotazione di spazi aziendali attrezzati per il turismo a cavallo o con gli asini, compresi quelli per il ricovero, la cura e l’addestramento degli animali, con esclusione di quelli volti ad attività di addestramento ai fini sportivi.

Le suddette attività turistiche possono essere svolte con animali dell’azienda agricola e, nel caso in cui l’azienda fornisca servizi di pernottamento, anche con animali di proprietà dei clienti.

Nel caso di attività turistica a cavallo o con asini che prevede l’utilizzo di animali dell’azienda agricola, è necessario avere in dotazione capi equini (con esclusione di quelli ad orientamento produttivo “Ippico”), asinini e/o ibridi adulti, iscritti all’anagrafe zootecnica del Sistema Informativo Veterinario (BDN) e alla Banca Dati Equidi (BDE) – di cui al comma 15, articolo 8 del D. L. 30.04.2003, n. 147, convertito in legge 1 agosto 2003, n. 200.

Investimenti per la dotazione di spazi aziendali attrezzati per lo svolgimento di attività didattiche e/o sociali in fattoria.

Sono finanziabili gli investimenti in impianti, attrezzature e ulteriori dotazioni finalizzati allo svolgimento delle attività di “Fattoria didattica” e/o “Fattoria sociale” di cui, rispettivamente, agli articoli 16 e 18 della legge regionale 11 maggio 2015, n. 11. Qualora gli investimenti siano realizzati all’interno di edifici, questi ultimi devono essere in regola con la vigente normativa edilizia.

Le domande di sostegno potranno essere presentate dal 15 maggio al 14 giugno.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link


Potrebbe interessarti

Contattaci per informazioni

Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento

Contattaci