GAL METROPOLI EST : sviluppo del turismo sostenibile nelle zone rurali incentivando le attività extra-agricole.

10 Feb, 2020 alle 19:40 -

GAL METROPOLI EST : sviluppo del turismo sostenibile nelle zone rurali incentivando le  attività extra-agricole.

GAL METROPOLI EST OPERAZIONE 6.4 c “Investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra- agricole. Sostegno per la creazione o sviluppo di imprese extra agricole nei settori del commercio, artigianale, turistico, dei servizi e dell’innovazione tecnologica”- AMBITO 1: TURISMO SOSTENIBILE

Scheda di sintesi

Soggetto promotore : Gruppo di Azione Locale  METROPOLI EST che raccoglie soggetti pubblici e privati per iComuni di Altavilla Milicia, Baucina, Bagheria, Bolognetta, Campofelice di Fitalia, Casteldaccia, Ciminna,  Lercara Friddi, Mezzojuso, Misilmeri, Santa Flavia, Trabia, Vicari,  Ventimiglia di Sicilia,  Villafrati.

Beneficiari

  • Agricoltori ( imprenditori agricoli) che oltre all’attività agricola esercitano anche una delle seguenti attività coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali ed attività connesse ( 2135 c.c.) ed i  coadiuvanti ( nel caso di persone fisiche costituite in impresa familiare : il coniuge, i parenti entro il 3° grado e gli affini entro il 2° grado, ovvero persone giuridiche) che pur non rivestendo la qualifica di lavoratori agricoli dipendenti, devono risultare stabilmente dediti alla attività agricola nella azienda di cui è titolare un familiare al momento della presentazione della domanda di sostegno, ed essere iscritti come tali negli elenchi previdenziali purché diversifichino la loro attività attraverso l’avvio di attività extra-agricole;
  • le persone fisiche;
  • le microimprese (meno di 10 occupati, fatturato annuo ovvero un totale di bilancio annuo non superiore a  2 milioni di euro);
  • le piccole imprese ( meno di 50 occupati, fatturato annuo ovvero un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro).

Requisiti di accessibilità:

  • localizzare la sede operativa  strumentale alla realizzazione delle operazioni proposte nelle aree rurali  C e D all’interno di uno dei comuni del GAL;
  • costituire ed aggiornare il fascicolo aziendale, anche anagrafico redatto secondo le disposizioni emanate da AGEA con circolare n. 25 del 30 aprile 2015 ed eventuali modifiche ed integrazioni . Gli istanti devono aver regolarmente costituito ed aggiornato il fascicolo aziendale presso soggetti abilitati CAA, previa sottoscrizione di un mandato, o presso l’Organismo pagatore AGEA – via Palestro, 81 – 00185 Roma ,
  • la presentazione di un piano di sviluppo aziendale conforme al programma predisposto dall’Amministrazione, che dovrà dimostrare la sostenibilità economica e finanziaria del progetto e riportare almeno:
  1. la situazione economica e finanziaria di partenza della persona o della micro — o piccola impresa che chiede il sostegno;
  2. le tappe essenziali e gli obiettivi per lo sviluppo delle nuove attività della micro — o piccola impresa;
  3. la descrizione delle azioni richieste per lo sviluppo delle attività della persona o della micro — o piccola impresa, quali gli investimenti, incluso un piano di finanziamento, la formazione e la consulenza;
  4. i prodotti e/o servizi proposti dal richiedente nonché una valutazione degli sbocchi di mercato;
  • l’iscrizione alla camera di commercio.
  • la presentazione di un progetto esecutivo completo della documentazione obbligatoria descritta nel bando. La cantierabilità del progetto dovrà essere dimostrata entro e non oltre 90 giorni dalla pubblicazione della graduatoria definitiva sul sito ufficiale del GAL METROPOLI EST. Trascorso il predetto termine perentorio di 90 gg. senza che tale obbligo sia stato assolto, la domanda di sostegno sarà esclusa dal finanziamento del relativo bando. In ogni caso, alla domanda di sostegno deve essere allegata, ove pertinente, copia della richiesta di parere, nulla osta, autorizzazioni e concessioni con la registrazione al protocollo dell’Ente competente. Al di sotto della soglia minima di € 30.000,00 l’iniziativa progettuale non può essere considerata ammissibile. Il punteggio minimo per l’ammissibilità è di punti 30.

Finalità: intervenire al fine di diversificare  l’economia rurale favorendo lo sviluppo di attività turistiche direttamente collegate con il  contesto agricolo sviluppando la  capacità di attrarre turismo attraverso l’aumento della varietà e della gamma degli itinerari rurali proponibili; sviluppando sia le filiere turistiche (filiera del turismo culturale, naturalistico, rurale), che le formule innovative di commercializzazione dell’offerta turistica (via web, palmare, inserimento in cataloghi di offerta turistica italiani e stranieri).

Dotazione finanziaria € 675.000,00 di spesa pubblica, di cui € 408.375,00 di quota FEASR e 266.625,00 di cofinanziamento nazionale.

Interventi ammissibili

Le attività finanziate dalla presente operazioni sono le  seguenti:

  • attività di turismo sostenibile e dei servizi connessi;
  • creazione o riqualificazione di esercizi commerciali esistenti, anche attraverso l’adozione di formule innovative (es. e-commerce) favorendo la specializzazione per prodotti artigianali tipici, prodotti biologici e/o di qualità certificata;
  • attività artigianali per il recupero delle attività e dei prodotti della tradizione rurale locale;
  • attività di creazione e sviluppo di servizi turistici;
  • attività di produzione di servizi turistici nel campo dell’innovazione tecnologica, con particolare riferimento alle attività volte a favorire l’accessibilità alle tecnologie di informazione e  comunicazione;
  • attività di manutenzione ambientale, per la fruizione di aree naturali quali Natura 2000, Parchi o
  • Riserve.

Tra gli investimenti ammissibili:

  • investimenti per la realizzazione di prodotti artigianali ed industriali non compresi nell’Allegato I del Trattato e di punti vendita;
  • investimenti per la creazione e lo sviluppo di servizi turistici, ricreativi e, in genere, servizi di manutenzione ambientale e per la fruizione di aree naturali quali Natura 2000, Parchi o Riserve;
  • investimenti nel campo dei servizi di guida ed informazione finalizzati alla fruibilità di musei e beni culturali;
  • investimenti per la fornitura di servizi di guida ed accompagnamento nella visita turistica di beni paesaggistici, riserve, parchi ed altri elementi naturali;
  • investimenti in strutture per attività di intrattenimento, divertimento e ristorazione;
  • investimenti per la fornitura di servizi di digitalizzazione e informatizzazione dedicati ai beni storici, culturali, naturali e paesaggistici;
  • investimenti per la fornitura di servizi per allestimenti di esposizioni e performances nelle arti teatrali, visive e musicali;
  • investimenti per la fornitura di servizi innovativi inerenti le attività informatiche e le tecnologie di informazione e comunicazione a supporto della popolazione e delle imprese sul territorio;
  • investimenti per la divulgazione della civiltà rurale attraverso spazi espositivi, raccolte di attrezzi ed elementi testimoniali, documentazioni fotografiche, proiezione di filmati multimediali.

Gli interventi ammissibili devono riguardare:

  • ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di beni immobili strettamente necessari allo svolgimento della attività;
  • acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento degli interventi di progetto;
  • acquisto di hardware e software finalizzati alla gestione delle attività extra-agricole;
  • realizzazione siti internet e di tutte le nuove forme di promozione online, ad esclusione dei costi di gestione nonché la realizzazione di servizi e l’acquisto di dotazioni durevoli necessari per l’attività da realizzare;
  • realizzazione di opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi, rientranti nelle spese riguardanti il miglioramento del bene immobile, con conseguente
  • innalzamento del livello di fruibilità.

Spese ammissibili 

Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute che riguardano attività intraprese o servizi ricevuti dopo la presentazione della domanda di aiuto, ad eccezione delle spese propedeutiche alla presentazione della domanda stessa (progettazione, acquisizione di autorizzazioni, pareri, nulla osta, ecc.).

In linea di massima sono ammissibili le spese per la realizzazione di opere, beni materiali nonché le spese per consulenza e simili secondo i principi specificati nel Bando con riferimento ai criteri di imputazione, alle percentuali di rimborso ed alle relative esclusioni

Modalità finanziamento:  aiuti in conto capitale in regime de minimis  con rimborso al 75 %. L’importo degli aiuti concessi non potrà superare i 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari per impresa unica, così come definita all’art. 2 par. 2 del Reg. (UE) n. 1407/2013.

Nell’ambito della presente Operazione il contributo pubblico massimo concedibile è pari al 75% dell’importo complessivo di progetto di euro 90.000,00.

L’importo minimo dell’iniziativa progettuale è pari ad € 30.000,00.

Sono stabiliti i seguenti limiti di spesa massima ammissibile, per tipologia d’investimento:

  • Interventi sul patrimonio edilizio: euro 520,00 per ogni mc. di fabbricato interessato, compresi l’installazione e il ripristino d’impianti termici e telefonici.
  • Acquisto veicoli trasporto persone: € 35.000,00 complessivi.

Termini domanda: 7.01.2020-31.07.2020

Procedura: valutativa a bando aperto – domande di sostegno presentata on-line e cartacea, utilizzando il modello predisposto dall’ Amministrazione di concerto con l’Organismo Pagatore e reso disponibile tramite il Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN).La sottoscrizione del modello di domanda, con firma digitale e/o sul cartaceo con firma autenticata nei modi di legge, esplicita la volontà del richiedente ad accedere ai regimi di aiuto attivati con le misure del PSR. Il modello di domanda dovrà essere corredato della  documentazione essenziale definita nel Bando, della modulistica integrativa, degli allegati tecnici specificati nei bandi pubblici attuativi delle singole Misure del PSR e della scheda di validazione del fascicolo aggiornata all’ultima validazione. La domanda potrà essere presentata esclusivamente tramite il portale SIAN e solamente dalle aziende che hanno correttamente costituito, aggiornato e validato il fascicolo aziendale e dovrà essere inoltrata con la documentazione e secondo le modalità indicate nel Bando.

Link di riferimentowww.galmetropoliest.com

Per la  documentazione completa

Clausola di esenzione della responsabilità

Sportello Europa Sicilia e Sardegna nella persona del titolare del sito   non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il contenuto della scheda informativa e ricorda che fanno fede unicamente i testi della legislazione pubblicati nelle edizioni cartacee della Gazzetta Ufficiale e/o Bollettini Ufficiali Regionali e/o qualsiasi altra pubblicazione ufficiale.


Potrebbe interessarti

Contattaci per informazioni

Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento

Contattaci